IL METODO MONTESSORI

Il bambino é insieme una promessa e una speranza per l'umanità. - Maria Montessori


Maria Montessori (1870-1952), prima donna a laurearsi in medicina in Italia, ha dedicato la propria vita allo studio del bambino.

      Oltre 50 anni di osservazioni compiute direttamente su bambini di tutto il mondo le hanno consentito di esplorare  lo sviluppo del bambino non solo sul piano sensorio-motorio, ma anche cognitivo , affettivo- emotivo, nella sua globalità.

Il metodo Montessori nasce dal principio dell'osservazione  e della sperimentazione, la dottoressa Montessori ha per prima introdotto la metodologia scientifica in campo pedagogico fondando "La pedagogia scientifica"

Montessori ha elaborato un metodo pedagogico che offre una visione dell'educazione come aiuto alla vita con un approccio di tipo globale nei confronti di ciascun bambino. Questo metodo è di ampio successo e ha trovato un largo consenso in tutto il mondo.

Queste parole rivelano l'intimo bisogno del bambino 'Aiutami a fare da solo' - Maria Montessori


Ogni bambino è dotato di potenzialità uniche e irripetibili,  nel rispetto del proprio sviluppo deve essere accompagnato nella crescita in modo da potersi esprimere liberamente e in maniera completa.

Ciascun bambino deve essere rispettato  e ascoltato nel suo intimo bisogno di conoscenza e di esplorazione della realtà che lo circonda.

Il metodo Montessori è fondato sullo studio del naturale  sviluppo del bambino, la sua flessibilità consente a ogni bambino di essere guidato nella  crescita coltivando il suo naturale e spontaneo interesse per la conoscenza.       

L'educazione è un processo naturale effettuato dal bambino, e non è acquisita attraverso l'ascolto di parole , ma attraverso le esperienze del bambino nell'ambiente - Maria Montessori

   Il metodo Montessori è giustamente definito di tipo rivoluzionario perché pone al centro del processo di apprendimento il singolo bambino e i suoi bisogni.

L'educazione Montessori si basa sull'idea che la conoscenza non debba essere trasmessa attraverso  le "lezioni dell'insegnante" dove  il bambino è obbligato a un'attività di ascolto dell'adulto.

L' apprendimento durante l'infanzia è un processo spontaneo  e  deve essere coltivato  e accresciuto dall'adulto che accompagna il bambino,  mai imposto. Questo obiettivo  viene raggiunto attraverso tre punti chiave del'educazione Montessori :  l'ambiente, il materiale didattico, il ruolo dell'insegnante

L'ambiente

L'ambiente deve essere ricco di motivi d'interesse che si prestano ad attività e invitano il bambino a condurre le proprie esperienze - Maria Montessori

Le classi Montessori sono ambienti studiati e scientificamente programmati dove nulla è affidato al caso. La classe nasce ed è costruita dall'insegnante Montessori che predispone tutto il materiale di sviluppo cognitivo in maniera che sia liberamente fruibile al bambino.

E'  un ambiente dove i bambini sono liberi di rispondere ai loro interessi naturali e dove sono contemporaneamente  guidati  e osservati da un' insegnante con preparazione specifica.  L'innata passione dei bambini verso la conoscenza è incoraggiata dal fatto che gli si concede l'opportunità di impegnarsi spontaneamente in varie attività, sotto la guida di un adulto. Attraverso il loro lavoro, i bambini sviluppano concentrazione e una gioiosa auto-disciplina. 

L'indipendenza: l'ambiente deve essere preparato per consentire ai bambini di diventare fisicamente indipendenti dagli adulti. Il bambino non solo diventa capace di fare le cose da solo, ma egli inizia ad essere capace di scegliere e decidere le cose in maniera autonoma.

L'ambiente deve permettere entrambe queste cose grazie al modo in cui sono disposti i materiali e soprattutto grazie alla professionalità degli adulti che lo accompagnano. L'ordine: l'ordine è qualcosa che pervade l'ambiente Montessori. Per un bambino piccolo che frequenta la Casa dei Bambini l'ordine dell'ambiente è ovvio ma l'ordine in realtà è anche alla base dell'approccio degli adulti, della presentazione delle attività ecc..



Contatti

La Casetta di Marzapane Via G. Ripamonti, 114
20141 Milano

Metro fermata Crocetta, poi tram 24
fermata 24 - 34 Ripamonti-Barletta
fermata 95 Via Ripamonti
02 39 84 47 05
SIAMO SEMPRE REPERIBILI ANCHE IL MESE DI AGOSTO!
asilonidodimarzapane@libero.it